Aprilia – Messina: 0-0

Aprilia-Messina highlights
(Clicca sull’immagine per accedere al video – Fonte: Sportube.tv)

Novanta minuti di pioggia battente, su un campo al limite della praticabilità, tanto impegno ed agonismo ma davvero poche emozioni, con azioni che si contano sulla dita di una mano: questo è Aprilia-Messina. Le due squadre si sono affrontate a viso aperto, riuscendo solo raramente ad imbastire azioni di gioco tali da poter creare pericoli alle porte avversarie, e il risultato “ad occhiali” è lo specchio di una gara che ha regalato davvero poco agli spettatori del “Quinto Ricci”, e che smuove la classifica di entrambe le formazioni, ma non in maniera determinante.

Gli ultimi giorni di mercato hanno portato alla corte di Paolucci Claudio Corsetti, graditissimo ritorno a casa per lui, ed Enrico Crescenzi, giovanotto proveniente dal Frosinone. Salutano Petagine (rescissione) e Marfisi, direzione L’Aquila, in uno scambio con Di Lollo. Infine, dalla Sampdoria, il giovane attaccante Austoni. A differenza di quanto trapelato giorni fa, Antonio Montella è rimasto ad Aprilia, le voci di una cessione al Chieti non si sono, per fortuna, concretizzate.

Verifica di agibilità dell’arbitro con i due capitani, Montella e Corona, e poi il via libera alla gara. Il primo sussulto è di marca pontina, al 3′ Barbuti insacca raccogliendo un passaggio di Hanine, ma la posizione della punta non è regolare e l’arbitro annulla giustamente. Passano due minuti e ancora l’Aprilia in avanti, ma il portiere ospite Lagomarsini riesce in uscita a bloccare la sfera prima che diventi pericolosa. L’occasione più importante del primo tempo arriva sulla testa di De Vena, su cross di Costa Ferreira, ma manca la precisione e la palla va sopra la traversa della porta difesa da Pane, al suo esordio con la maglia dell’Aprilia. Gioco spezzettato, molti falli e moltissime scivolate al limite della regolarità, o forse oltre, ma che l’arbitro o non sanziona, o punisce ma senza ricorrere a cartellini che talvolta sarebbero necessari per ridurre la foga agonistica. Poco prima della mezz’ora l’Aprilia reclama un rigore per trattenuta ai danni di Marino, ma l’arbitro non è dello stesso avviso. Punizione per il Messina al minuto 35, si incarica della battuta Squillace, la palla è a girare, ma termina di poco a lato. Ancora Aprilia in attacco, Tortolano batte una punizione, la palla rimbalza al limite dell’area e Amadio tenta la battuta di controbalzo, ma le gambe in area sono troppe e il pallone viene ribattuto. Nell’ultima azione del primo tempo, Barbuti, imbeccato da Montella, tira un rasoterra velenoso che esce di un soffio con Lagomarsini battuto, che ringrazia la buona sorte.

Il secondo tempo comincia con un tiro di Tortolano respinto in corner dal portiere peloritano. Poi è Pane al 54′ a farsi trovare prontissimo e a respingere con i piedi un tiro ravvicinato ancora di De Vena. Passano 4 minuti e Costa Ferreira tenta una conclusione da fuori area, ma il pallone è alto. Si arriva al 70′, e il Messina sfiora il vantaggio con Bernardo, che sugli sviluppi di un calcio d’angolo cerca l’incrocio dei pali lontano, ma spizza la parte alta della traversa. Passano solo 60 secondi, e ancora Costa Ferreira tenta la sorte da fuori area, Pane blocca in due tempi, non senza qualche difficoltà a causa del pallone scivoloso. Fase della partita a favore del Messina, l’Aprilia è un po’ stanco. Cafiero qualche minuto dopo impegna di testa Lagomarsini in una presa a terra su calcio d’angolo. L’ultima azione degna di nota è dell’Aprilia, Melis di testa prova a siglare l’1-0, ma Cucinotta è bravo a liberare.

Finisce, dopo 4 minuti di recupero, con uno 0-0 che lascia tutto così com’è, il Messina è sempre tredicesimo, a quota 26 punti, a -1 dal Tuttocuoio, ultima squadra che rientra nel giro playout. L’Aprilia invece è quattordicesima a 23, con Martina Franca e Sorrento, e deve guardarsi dall’Arzanese, vittoriosa 3-1 contro il Cosenza. L’ottava posizione è a 6 punti di distanza, a quota 29, occupata da Melfi e Ischia Isolaverde. In testa ora c’è la coppia Teramo-Casertana, con 41 punti, seguita appunto da Cosenza e Foggia a 39. Domenica prossima trasferta in casa del fanalino di coda Gavorrano, battuto 3-0 dai ragazzi di Vivarini. Per il Messina invece l’ostacolo Aversa Normanna, vittorioso a Sorrento per 1-0 e sesto in classifica insieme al Chieti, a quota 31.

TABELLINO

APRILIA: Pane, Cafiero, Orchi, Amadio, Agius, Marino, Montella, Hanine (78’ D’Anna), Barbuti (78’ Melis), Mazzarani, Tortolano (62’ Corsetti). A disp: Caruso, Del Duca, Agresta, Lisi. All: Paolucci

MESSINA: Lagomarsini, Guerriera (68’ Cucinotta), Silvestri, Bucolo, D’Aiello, Pepe, De Vena (60’ Buongiorno), Franco, Corona (57’ Bernardo), Costa Ferreira, Squillace. A disp: Iuliano, Ignoffo, Quintoni, Simonetti. All. Grassadonia

ARBITRO: Pelagatti di Arezzo

ASSISTENTI: Pagnotta di Nocera Inferiore, Guarino di Frattamaggiore

AMMONITI: D’Aiello (M), Mazzarani (A), Hanine (A), Pepe (M), Barbuti (A).

ANGOLI: Aprilia 10, Messina 6

RECUPERO: 0′ pt, 4′ st

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...