Archivio mensile:novembre 2014

Tredicesima giornata: i risultati

Ancora una volta, quando c’è un big-match l’Aprilia sparisce dal campo. Vittoria netta per la Viterbese Castrense, un 2-0 con un goal per tempo contro la squadra di Fattori, che mai durante l’arco dei 90 minuti ha dato l’idea di poter anche solo impensierire l’avversario. Nella giornata in cui nessuno ha dato lo strappo alla classifica, se non le inseguitrici, fare almeno un punto poteva essere importante. Di seguito i risultati della tredicesima giornata:

ARZACHENA – ISOLA LIRI: 3-2
BUDONI – OSTIA MARE: 0-0
LUPA CASTELLI ROMANI – NUORESE: 1-1 (giocata ieri)
OLBIA – CYNTHIA: 3-1
SAN CESAREO – FONDI: 1-2
SELARGIUS – PALESTRINA: 2-1 (giocata ieri)
SORA – ANZIOLAVINIO: 3-1
TERRACINA – ASTREA: 1-2
VITERBESE CASTRENSE – APRILIA: 2-0

Clicca qui per la classifica aggiornata

Tredicesima giornata: Viterbese Castrense – Aprilia

ViterbeseCastrenseAprilia

Altra partita importante per l’Aprilia di Fattori, che affronta, ancora una volta in trasferta, una delle pretendenti alla vittoria del Girone G. La Viterbese Castrense di Fabrizio Ferazzoli vola in classifica, sulle ali dell’entusiasmo per un secondo posto conquistato ai danni dell’Ostia Mare proprio sul loro campo, un po’ come accadde qualche settimana fa quando la Lupa Castelli Romani prese la vetta, vincendo ad Ostia, e sempre per 2-1. La Viterbese Castrense ha raccolto 21 punti sugli ultimi 24 disponibili, ma soprattutto è in serie vincente da 4 gare interne. Le ultime due gare giocate al “Rocchi” sono state delle vere e proprie sagre del goal: 8-0 all’Anziolavinio due giornate fa, e 5-0 all’Astrea alla nona giornata. Di contro, l’Aprilia ha già dimostrato di soffrire parecchio le formazioni organizzate, perdendo con tre reti di scarto sia ad Ostia che in casa della Lupa Castelli Romani, ed anche domenica non ha certo brillato contro una squadra coriacea come il San Cesareo, tuttavia portando a casa uno 0-0.

Sono 4 i punti di differenza tra Aprilia e Viterbese Castrense, con i gialloblu avanti 26 a 22. I ragazzi di Ferazzoli hanno il miglior attacco, ben 31 reti segnate, di cui 23 in casa nelle sei partite disputate. Oltre al fortissimo attacco, la Viterbese Castrense vanta la seconda miglior difesa del girone, con 10 reti subite (solo la Lupa Castelli Romani ha fatto meglio, 9 goal presi per loro).

Va detto che l’inizio di stagione per la Viterbese Castrense è però stato piuttosto tribolato, infatti la stagione era cominciata con un altro allenatore, quell’Attilio Gregori che aveva conquistato la promozione lo scorso anno, e in questo periodo no, i “Leoni” sono stati estromessi dalla Coppa Italia di categoria alla prima occasione, dall’Anziolavinio (1-1 dopo 90 minuti, poi sconfitta ai rigori).

L’Aprilia e la Viterbese Castrense non hanno mai giocato contro, essendo la Viterbese Castrense una nuova società. Tuttavia, tra Aprilia e la vecchia Viterbese ci sono 4 precedenti, tutti in Serie D, due dei quali nella stagione che ha portato l’Aprilia alla vittoria del girone e al passaggio in Lega Pro. L’ultima sfida è stata disputata proprio a Viterbo, nella stagione 2010/11, ed ha visto i padroni di casa imporsi per 3-2. L’anno prima invece, tra Viterbese e Rondinelle Latina finì 1-1. L’unica vittoria dell’Aprilia è arrivata in una gara disputata al “Quinto Ricci” nel 2010/11, finita 3-1 per i ragazzi allora allenati da Ezio Castellucci.

Clicca qui per consultare i precedenti tra Aprilia e Viterbese

La partita si giocherà Domenica, con fischio d’inizio alle 14:30.

Aprilia – San Cesareo: 0-0

Doveva essere la partita della reazione dopo la brutta sconfitta rimediata contro la Lupa Castelli Romani, ed invece l’Aprilia si fa irretire un po’ dall’avversario, e un po’ da se stessa, e non riesce ad andare oltre lo 0-0 contro il San Cesareo, nella dodicesima giornata di campionato. Un punto che alla fine, per come i ragazzi di Fattori hanno interpretato la gara, non va considerato come un’occasione persa, perché il San Cesareo ha giocato con più grinta, più cattiveria sui palloni, mettendo in difficoltà i biancoazzurri, che in campo non sono scesi con la testa completamente libera. Il risultato riassume una gara sottotono in attacco ma ordinata dietro, ma è troppo poco almeno per come ci si aspetta che l’Aprilia giochi in casa.

Dai primi minuti di gioco si capisce quale sarà l’andazzo della gara: l’Aprilia pensa a non prenderle, nonostante giochi davanti al suo pubblico, e il San Cesareo aggredisce ogni pallone nel tentativo di prendere il comando della partita. Non succede molto nella prima mezz’ora, i ragazzi di Fattori non riescono a confezionare alcuna azione da rete, ma in compenso non permettono agli ospiti di rendersi mai pericolosi. Al 35′ qualcosa si rompe, e Pascu, imbeccato perfettamente da Merlonghi, spara sull’esterno della rete da posizione ottima. Passa all’incirca un minuto e il San Cesareo sfiora di nuovo il vantaggio, stavolta con Merlonghi, su calcio di punizione, trova la traversa con Caruso battuto. L’Aprilia, dopo questi due campanelli d’allarme, se possibile serra ancora di più le fila; al 43′ calcio di punizione, si presenta al tiro Esposito, ma la sua conclusione è debole. Questa è l’unica “occasione” dei pontini in tutti i 90 minuti.

Il secondo tempo vede il San Cesareo crederci di più, ma i ragazzi di Perotti sbattono ripetutamente sul muro eretto dalla difesa di Fattori. Al 71′ Montesi impegna Caruso, costringendolo a deviare in angolo la sua conclusione. Tre minuti dopo l’Aprilia resta in 10, per espulsione di Maola per fallo da ultimo uomo: disperato il tentativo del difensore pontino, che si immola per non permettere a Del Vecchio di continuare la sua azione indisturbato verso la porta difesa da Caruso. I restanti 15 minuti più recupero sono uno sterile assedio del San Cesareo, basti pensare al conteggio dei corner a fine gara: 9-1 per il San Cesareo! Alla fine però con molta frustrazione (cosa che trasparirà nel battibecco finale) la squadra castellana deve accettare il verdetto del campo: è 0-0.

L’Aprilia vede allontanarsi ulteriormente la Lupa Castelli Romani, ora i punti che dividono i ragazzi di Fattori dal primo posto sono 10. I prossimi avversari dell’Aprilia saranno i gialloblu della Viterbese Castrense, che hanno strappato una vittoria importantissima in casa dell’Ostia Mare, 2-1 il finale; questa vittoria in trasferta li pone in seconda posizione, a -6 dalla vetta, e manda l’Ostia Mare in terza posizione, a -7. L’Aprilia e il San Cesareo muovono la classifica e arrivano a quota 22. Dietro fa punti il Sora, corsaro a Terracina per 1-0, e riduce il divario a 4 punti. In coda Anziolavinio sempre fermo a 6 punti, così come Isola Liri e Palestrina, fermi a 8. Il Cynthia, con l’ennesimo 0-0, raggiunge quota 9. La Nuorese fa 1-1 in casa contro il Fondi, che settimana prossima se la vedrà proprio con il San Cesareo, ancora in trasferta.

TABELLINO

APRILIA: Caruso, Maola, Esposito, Schiumarini, Crepaldi, Chiarucci, Cioè, Cannariato (51′ Fabiani), Roversi (77′ Giangrande), Pagliaroli (80′ Tozzi), Toto. A disp. Casciotti, D’Ambrosio, Mattoccia, Rapone, Trincia, Mele. All. Fattori.

SAN CESAREO: Matera, Olivieri, Montesi, Gissi, D’Ambrosio, Brack, Merlonghi, Luciani (66′ Pascarella), Pascu, Tirelli, Cericola (66′ Del Vecchio (79′ Ceccarelli)). A disp. Ulissi, Tarantino,Lupieri, Stazi, Massimiani, Casimirri. All. Perrotti.

ARBITRO: Cavallina di Parma

ASSISTENTI: Saviano e Nuzzi di Valdarno.

AMMONITI: Chiarucci (A), Esposito (A), Caruso (A), Luciani (S).

ESPULSO: Maola (A) al 74′ per fallo da ultimo uomo

ANGOLI: Aprilia 1, San Cesareo 9

RECUPERO: 0′ pt, 5′ st

Dodicesima giornata: i risultati

Davanti al proprio pubblico l’Aprilia non va oltre lo 0-0 contro il San Cesareo. Prestazione sottotono dei ragazzi di Fattori, che hanno chiuso la gara in 10 contro 11 per l’espulsione di Maola per fallo da ultimo uomo, quando mancava poco meno di un quarto d’ora al termine della gara. Ben 9 corner a 1 per il San Cesareo, il che la dice lunga su chi ha attaccato durante la partita. La Viterbese supera l’Ostia Mare ed è seconda in classifica, la Lupa Castelli Romani è a +10 dall’Aprilia; ancora sconfitta per il Terracina, in casa contro il Sora. Di seguito i risultati della dodicesima giornata:

ANZIOLAVINIO – ARZACHENA: 0-3
APRILIA – SAN CESAREO: 0-0
ASTREA – SELARGIUS: 5-1
CYNTHIA – BUDONI: 0-0
ISOLA LIRI – OLBIA: 1-2
NUORESE – FONDI: 1-1
OSTIA MARE – VITERBESE CASTRENSE: 1-2
PALESTRINA – LUPA CASTELLI ROMANI: 0-4
TERRACINA – SORA: 0-1

Clicca qui per la classifica aggiornata

Dodicesima giornata: Aprilia – San Cesareo

ApriliaSanCesareo

Non c’è tempo per rifiatare, dopo la sconfitta pesante in casa della Lupa Castelli Romani l’Aprilia è chiamata ad una reazione decisa, e l’avversario che i ragazzi di Fattori affronteranno in questa giornata non è affatto comodo. Il San Cesareo è in un buon momento, e viene da una bella vittoria per 3-0 sull’Isola Liri che ha proiettato la squadra di Perrotti proprio a pari punti con l’Aprilia, in quarta posizione. Anche la differenza reti è la stessa, +5, ma a fare la differenza per ora sono i goal segnati in più per il San Cesareo, 23 contro 19.

Il San Cesareo si presenta al “Quinto Ricci” forte della serie in corso di 4 vittorie consecutive. Prima dell’Isola Liri il San Cesareo si è imposto in casa dell’Anziolavinio per 4-2, ha battuto il Palestrina in casa per 3-1 e ha strappato i tre punti sul campo dell’Astrea per 3-2. L’ultima sconfitta risale alla settima giornata, un secco 0-3 contro l’Ostia Mare. Per l’Aprilia non è che le cose stiano andando male, a parte la debacle di sabato scorso, anche i biancoazzurri venivano da un filotto di tre gare vinte di seguito.

San Cesareo ed Aprilia condividono per quest’anno la stessa sorte in Coppa Italia: entrambe sono state eliminate dall’Isola Liri. L’Aprilia nel turno preliminare, per 2-1, mentre il San Cesareo nel turno immediatamente successivo, ai rigori dopo il 2-2 dei novanta regolamentari. A proposito di Coppa Italia, in settimana si è disputato l’Ottavo di finale tra due delle tre squadre del Girone G rimaste in gara, Lupa Castelli Romani ed Astrea. Hanno avuto la meglio i primi, per 4-2, e si sono guadagnati l’accesso ai Quarti di finale. Complimenti a loro, per la solidità dimostrata sia in Campionato che in Coppa, segno che la squadra è pronta per un salto di categoria. L’altra squadra rimasta in gara è il Terracina, che stenta in campionato, ma che in Coppa ha avuto la meglio sull’Agropoli, in trasferta per 1-0.

Tra Aprilia e San Cesareo sarà la prima sfida ufficiale, il fischio d’inizio sarà alle 14.30.

Lupa Castelli Romani – Aprilia: 5-2

Sonora sconfitta per l’Aprilia di Fattori, che si deve inchinare alla Lupa Castelli Romani. Punteggio senza appello, superiorità dei padroni di casa per larga parte della gara, anche quando erano in 10 contro 11, e nonostante le assenze di Nohman e Chiesa. C’è poco da girarci attorno, la classifica sta indicando i veri valori del campionato, e quando c’è stato bisogno di mettere la quarta, la Lupa Castelli Romani si è fatta trovare più pronta di tutti, collezionando 6 punti su 6 nelle sfide con Ostia Mare ed Aprilia. La squadra di Fattori, come al solito imbottita di giovani, evidentemente soffre le gare in trasferta contro squadre così attrezzate, si passa anche da queste sconfitte per un processo di crescita completo.

La Lupa Castelli Romani, come detto, ha sempre avuto il controllo del match, ma la gara si è sbloccata dopo la mezz’ora. Prima del vantaggio dei locali, ha sì tenuto il pallino del gioco, ma senza mai essere particolarmente pericolosa. Degna di nota solo la conclusione portata da Traditi verso la porta apriliana dopo quasi un quarto d’ora, ma Caruso non si fa trovare impreparato. L’Aprilia fa la sua parte, difendendo con ordine e cercando spesso le ripartenze, ma non riesce mai a graffiare. Al 32′ la Lupa passa in vantaggio: Boldrini su punizione, da una distanza notevole, pesca il jolly, aiutato anche dal vento che nella prima parte di gara soffiava a favore dei padroni di casa. L’Aprilia subisce il colpo e 3 minuti dopo arriva il raddoppio di Icardi, che spara un bel tiro sotto l’incrocio sempre dal limite dell’area. Al 41′ Baylon della Lupa Castelli Romani riceve il secondo cartellino giallo della gara per un fallo di mano volontario e lascia la sua squadra in 10 contro 11, anche se davanti di due reti. Il primo tempo si conclude senza altri sussulti.

La ripresa invece comincia con un’Aprilia più coraggiosa, alla ricerca di una rete per riaprire la gara, sperando di far incidere la superiorità numerica. Sulle prime sembra che l’operazione funzioni, perché al 49′ Pagliaroli ribatte in rete un calcio di punizione a favore dei biancoazzurri. La Lupa Castelli Romani però mette le cose in chiaro al 53′, facendo capire che anche in 10 contro 11 è la più forte in campo, e su una ripartenza trova l’Aprilia sbilanciata in avanti alla ricerca del pari. La coppia Siclari-Traditi confeziona un contropiede finalizzato da quest’ultimo con una tiro preciso scagliato appena fuori dell’area pontina. E’ 3-1 per i padroni di casa. L’Aprilia perde definitivamnte la lucidità necessaria, e Siclari (ex di prestigio) ha modo prima di scaldare le mani a Caruso, al 59′, e poi di trafiggerlo per ben due volte, al 70′ e al 78′, sempre su azione di contropiede, in due reti molto somiglianti tra loro. Sul risultato di 5-1 la Lupa Castelli Romani si accontenta e cala il ritmo. Al minuto 85 arriva la seconda rete dell’Aprilia: cross dalla destra di Cioé e colpo di testa vincente di Roversi. La partita non ha altro da dire, finisce 5-2 per la Lupa, che vola a 29 punti, +8 sull’Aprilia.

Le partite del giorno dopo regalano alla Lupa il primato garantito anche per la prossima giornata: l’Ostia Mare è fermato sull’1-1 dal Selargius e scivola a -4. LA Viterbese Castrense distrugge l’Anziolavinio con un imbarazzante 8-0, prendendosi il terzo posto a scapito dell’11 di Fattori. Il San Cesareo, prossimo avversario dell’Aprilia, battendo in casa per 3-0 l’Isola Liri di Ciardi (in procinto di dimettersi), raggiunge proprio i pontini al quarto posto, a quota 21. Dietro l’Aprilia e il San Cesareo si posiziona a quota 17 la Nuorese, corsara ad Olbia per 4-3. Sprofonda il Terracina, 4-1 a Budoni e dodicesimo posto a pari punti con l’Astrea. Domenica prossima la Lupa Castelli Romani andrà a Palestrina, reduce dal pareggio per 1-1 contro l’Arzachena. Supersfida tra Ostia Mare e Viterbese Castrense.

TABELLINO

LUPA CASTELLI ROMANI: Tassi, Mazzei, Colantoni, Traditi, Gordini, Baylon, Boldrini (85′ Bertoldi), Icardi, Montesi (44′ De Gol), Conti (80′ Della Ventura), Siclari. A disp. Scarfagna, Di Nezza, Fantini, Tranchitella, Casu, Rampi. All. Galluzzo.

APRILIA: Caruso, Montella (57′ Tozzi), Esposito, Cannariato, Crepaldi (74′ Giangrande), Chiarucci, Cioè, Fabiani, Roversi, Pagliaroli, Toto (74′ Molinari). A disp. Casciotti, Sossai, Maola, Schiumarini, Marchetti, Mele. All. Fattori.

ARBITRO: Zingarelli di Siena

ASSISTENTI: Lupi di Empoli, Selicato di Siena.

MARCATORI: 32′ Boldrini (L), 35′ Icardi (L), 49′ Pagliaroli (A), 53′ Traditi (L), 70′ Siclari (L), 78′ Siclari (L), 85′ Roversi (A)

AMMONITI: Colantoni (L), Esposito (A), Montella (A), Tozzi (A).

ESPULSO: Baylon (L) al 41′ per doppia ammonizione

ANGOLI: Lupa Castelli Romani 7, Aprilia 7

RECUPERO: 2′ pt, 4′ st

Undicesima giornata: i risultati della domenica

I risultati di giornata danno conferma a tutte le paure dell’Aprilia, dopo la sconfitta di ieri pomeriggio in casa della Lupa Castelli Romani. L’Ostia Mare non tiene il passo, e scende a -4 dalla vetta, pareggiando contro Selargius. Viterbese Castrense a valanga sull’Anziolavinio: 8-0 il finale! San Cesareo batte Isola Liri 3-0 ed agguanta i ragazzi di Fattori in quarta posizione. Terracina ancora malissimo, perde 4-1 in casa del Budoni. Di seguito i risultati dell’undicesima giornata:

ARZACHENA – PALESTRINA: 1-1
BUDONI – TERRACINA: 4-1
FONDI – CYNTHIA: 0-0
LUPA CASTELLI ROMANI – APRILIA: 5-2 (giocata ieri)
OLBIA – NUORESE: 3-4
SAN CESAREO – ISOLA LIRI: 3-0
SELARGIUS – OSTIA MARE: 1-1
SORA – ASTREA: 2-2
VITERBESE CASTRENSE – ANZIOLAVINIO: 8-0

Clicca qui per la classifica aggiornata