Archivio mensile:ottobre 2015

Nona giornata: i risultati

Sette su nove. Tante sono le sconfitte in campionato in questa sciagurata stagione, che toglie ogni parola. Brava l’Aprilia, tutti bravi secondo il Mister Fattori. Squadra zeppa di giovani, squadra che si toglierà soddisfazioni, squadra che non raccoglie quanto merita, squadra che esce dal campo a testa alta. Sette sconfitte su nove, questa arriva al 93′ contro una squadra in inferiorità numerica. Era la prima della classe, certo, ma nelle altre 6 sconfitte, e certo anche nelle due partite con punti (Gallipoli e Picerno, che con l’Aprilia occupano il “podio delle ultime”), non c’era la prima in campo. Non ci sono molte scusanti, questa stagione sta portando solo delusioni, e l’impegno non salverà dalla retrocessione se si va avanti ad una media di 0.44 punti a partita. Nardò in vantaggio con Malcori al 55′, Aprilia pareggia con Maola al 59′ prima della cocente doppietta di Malcori nei minuti di recupero. Di seguito i risultati della nona giornata:

APRILIA – NARDO’: 1-2
BISCEGLIE – FONDI: 2-0
GALLIPOLI – MANFREDONIA: 1-1
ISOLA LIRI – MARCIANISE: 1-0
PICERNO – POMIGLIANO: 1-2
SAN SEVERO – POTENZA: 2-0
TORRECUSO – SERPENTARA: 2-0
TURRIS – TARANTO: 2-0
VIRTUS FRANCAVILLA – FRANCAVILLA: 1-0

Clicca qui per la classifica aggiornata

Annunci

Ottava giornata: i risultati

Affonda ancora l’Aprilia, sotto i colpi dell’arbitro più che del Potenza. Ancora due espulsioni, almeno una delle quali più che fiscale, un rigore negato, la rete del vantaggio del Potenza in netto fuorigioco, un’azione nel finale fermata da un fuorigioco inesistente.. insomma, si è giocato in 9 contro 14. Ma la classifica preoccupa, l’ultimo posto in coabitazione con Gallipoli e Serpentara è servito, e ora arriva la capolista Nardò. Tempi duri, e morale a terra per l’Aprilia. Di seguito i risultati dell’ottava giornata:

FONDI – PICERNO: 3-2
FRANCAVILLA – TORRECUSO: 2-1
MANFREDONIA – BISCEGLIE: 1-1
MARCIANISE – TURRIS: 0-0
NARDO’ – GALLIPOLI: 2-1
POMIGLIANO – VIRTUS FRANCAVILLA: 1-2
POTENZA – APRILIA: 2-1
SERPENTARA – ISOLA LIRI: 1-1
TARANTO – SAN SEVERO: 2-1

Clicca qui per la classifica aggiornata

San Severo – Aprilia: 5-1

Giornata nera per l’Aprilia in Puglia quella di domenica. I padroni di casa si impongono per 5-1 sui pontini, con una “manita” firmata esclusivamente da Davide Evacuo, che ha sfruttato alla perfezione le voragini lasciate dalla retroguardia apriliana. E poco conta se i cartellini sono stati distribuiti in maniera non uniforme, se ai pontini sono stati annullati due gol. Parlare dell’arbitro quando si prendono 5 reti è decisamente fuori luogo, anche se si sente la ragione di farlo. Quest’Aprilia è troppo vulnerabile, troppo debole per essere vera, e 4 punti in 7 giornate sono il manifesto di come non si possa che vedere nero: una squadra che attacca con veemenza ma senza costrutto, e che come viene attaccata subisce. Con estrema facilità gli attaccanti avversari trovano il modo di segnare, e con estrema difficoltà e confusione l’attacco cerca di portare pericoli. La strada non è in salita, è una vera e propria scalata.

E dire che nella prima mezz’ora le due formazioni sul campo si sono sostanzialmente equivalse.. poi al 30′ Evacuo comincia il suo personalissimo show con un pallonetto su Caruso, e poi al 42′ direttamente a porta vuota dopo averlo messo sedere a terra con una finta. Il 3-0 è invece di testa su cross di Florio, prima della rete del 3-1 dell’Aprilia firmata Bosi, avvenuta concretizzando una ribattuta in area pugliese. Il 4-1 è ancora un dribbling al portiere Caruso, portiere con esperienza in Lega Pro, ma nell’occasione sembrato non all’altezza nemmeno della categoria Dilettanti, e il 5-1 è frutto di un preciso tiro nei minuti finali di gioco. Da segnalare la rete di Pagliaroli annullata per un fuorigioco inesistente, e le due espulsioni, di Roversi e Sossai. Roversi mancherà per ben 2 turni, come se ad Aprilia le cose andassero già bene di loro..

Domenica trasferta a Potenza, sbagliare non è più concesso, ma per trovare un buon risultato in trasferta bisogna trovare conforto nei ricordi degli anziani. A migliorare le cose ci penserà la schiacciasassi Nardò, che verrà a far visita all’Aprilia nella giornata successiva. Per Fattori sono giornate decisive, la panchina scotta e non può essere altrimenti.

TABELLINO

SAN SEVERO: Mennella, Cipolletta, Grieco, F. Favilla, Natino, Rossi (70′ Mastrangelo), Tricarico, Florio, Mustone (80′ Rolli), Favetta (81′ Milani), Evacuo. A disp. Di Michele, Capone, D. Favilla, Di Fiore, Morsillo, De Bellis. All. De Felice.

APRILIA: Caruso, Montella, Sossai, Tomei, Maola, Crepaldi, Paruzza (46′ Pirazzi), Schiumarini (78′ Mastrosanti), Zeccolella (45′ Bosi), Pagliaroli, Roversi. A disp. Bortolameotti, Frezza, Giangrande, Cioè, Chiarucci, Marchetti. All. Fattori.

ARBITRO: Rainone di Nola.

ASSISTENTI: Piedipalumbo di Torre Annunziata, Mariniello di Ercolano.

MARCATORI: 31′ Evacuo (SVR), 42′ Evacuo (SVR), 60′ Evacuo (SVR), 61′ Bosi (APR), 74′ Evacuo (SVR), 88′ Evacuo (SVR).

AMMONITI: Mennella (SVR), Montella (APR), Pirazzi (APR).

ESPULSI: Roversi (APR) al 67′ per comportamento antisportivo e Sossai (APR) all’81’ per doppia ammonizione.

ANGOLI: San Severo 2, Aprilia 6.

RECUPERO: 1′ pt, 3′ st.

Settima giornata: i risultati

Prosegue a gonfie vele l’opera di distruzione dell’Aprilia Calcio. In casa del San Severo l’Aprilia pensa a rovinarsi la partita perdendo per 5-1 (cinquina di Evacuo e Bosi per i Pontini) e si predispone per la prossima (Roversi e Sossai espulsi per un’Aprilia che finisce in 9, e quindi assenti alla prossima di Campionato). 4 punti in 7 giornate per una media che manderà l’Aprilia dritta in Eccellenza, senza appello. Nel frattempo, il temibilissimo Gallipoli che ha impattato sette giorni fa al “Quinto Ricci”, torna alla vita di tutti i giorni, prendendone 5 in casa dal Fondi. Allora era in ripresa in Gallipoli, o forse è l’Aprilia che è al livello delle ultime in classifica? In attesa di rilanciare le speranze del Potenza, nella prossima partita ancora in trasferta, i risultati della settima giornata:

BISCEGLIE – FRANCAVILLA: 1-0
GALLIPOLI – FONDI: 1-5
ISOLA LIRI – POTENZA: 1-1
MANFREDONIA – POMIGLIANO: 2-4
PICERNO – SERPENTARA: 2-2
SAN SEVERO – APRILIA: 5-1
TORRECUSO – TARANTO: 2-2
TURRIS – NARDO’: 1-3
VIRTUS FRANCAVILLA – MARCIANISE: 3-2

Clicca qui per la classifica aggiornata

Aprilia – Gallipoli: 1-1

Deludente ed amaro pareggio per l’Aprilia di Fattori contro il fanalino di coda, il Gallipoli di Massimo. La formazione pontina butta via altri punti importanti, e ci si comincia a chiedere quando i biancoazzurri vorranno cominciare a giocare per chiudere le partite quando ne hanno l’opportunità, invece di farsi fregare da ogni avversario. Ennesima partita in cui ci si ritrova a dire che l’Aprilia cerca con insistenza e veemenza la rete decisiva, ma gioca con fretta e agitazione e gli assalti alla porta avversaria falliscono.

I primi minuti sono, come da prassi, di studio reciproco, con la formazione pugliese attenta a non concedere spazi, e a giocare di rimessa. La partita è talmente in fase di studio che nella prima mezz’ora si segnalano due conclusioni, entrambe sballate, prima per il Gallipoli al 20′ con Mbidabindzy, e poi al 25′ con Paruzza per l’Aprilia. Al 35′ la gara subisce uno strappo: Pagliaroli entra in area di rigore servito ottimamente da Cioè e viene atterrato. Per l’arbitro è rigore, e dal dischetto Esposito non fallisce, portando l’Aprilia sull’1-0 e portando il suo bottino personale a 3 reti stagionali, tutte su rigore. Il difensore è attualmente il capocannoniere dell’Aprilia in questa stagione, in attesa che qualche attaccante si decida a segnare, cosa che quest’anno sembra essere diventata impossibile per Roversi, che al 42′ sciupa l’impensabile, messo praticamente in condizione di colpire da 2 metri da Pagliaroli.

Nel secondo tempo, il Gallipoli sfiora il pareggio con un bel tiro di Negro che sibila vicino al palo della porta difesa da Caruso. Poi comincia lo “show dell’ultimo tocco mancante”: una serie infinita di occasioni a firma Bosi, Roversi, Paruzza, in cui l’Aprilia fa vedere di saper giocare a pallone, ma dimostra decisamente di non riuscire a buttarne una dentro. C’è sempre qualcosa che manca: un ultimo tocco sporco, un giocatore in ritardo di un soffio, una minisvirgolata.. insomma alla fine l’Aprilia non affonda, e il Gallipoli comincia a sognare il colpaccio, che avviene alla mezz’ora della ripresa. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la difesa pontina si addormenta clamorosamente, lasciando Franzese in condizione di approfittare dello svarione difensivo e della giornata di scarsa vena offensiva dell’Aprilia, per la rete del pareggio. A 15 minuti dalla fine siamo sull’1-1. Da questo momento fino alla fine, l’Aprilia attacca, in modo sconclusionato, con 8 effettivi su 10 (portiere escluso), ma come è avvenuto con la Turris e con l’Isola Liri, di entrare la palla non ne vuol sapere. E i tifosi fischiano e si mordono le mani. Altri due punti buttati al vento, e la classifica piange. Ride il Gallipoli che abbandona lo 0 in classifica, ed evidentemente proprio ad Aprilia lo doveva fare.

Per l’Aprilia questo è il pareggio numero 50 in gare interne in Serie D, e la rete siglata da Franzese è stata la numero 150 subita dall’Aprilia in gare di Campionato nella categoria dilettanti.

Testa alla partita di domenica, in casa del San Severo, ma da questa Aprilia tutti si attendevano di più, specialmente dopo i ritorni di Pagliaroli e Roversi. L’Aprilia della scorsa stagione era una macchina che soprattutto nella prima parte di stagione era ben oliata mentre quella di quest’anno, pur con gli stessi interpreti in campo, non è che una copia sbiadita e raffazzonata. La cura Fattori non sta dando alcun frutto quest’anno, e 4 punti in sei giornate sono una media imbarazzante. Relativamente al Gallipoli, il giudice sportivo non ha dato lo 0-3 a tavolino contro la Turris, la partita si giocherà per intero. Tuttavia, uno 0-3 a tavolino lo ha rimediato il Bisceglie, per aver schierato, nella partita contro il Taranto vinta per 2-1, il giocatore Ngom Ndiaga, che ancora non aveva scontato una squalifica della stagione precedente. Quindi il girone H della Serie D ha una nuova capolista, non più il Nardò a quota 15, ma il Taranto, con 16 punti, solo 12 in più dell’Aprilia, dopo 6 giornate, fate voi.

TABELLINO

APRILIA: Caruso, Montella, Esposito, Maola, Crepaldi, Sossai, Cioè (52′ Zeccolella), Paruzza (85′ Pirazzi), Roversi, Pagliaroli (60′ Bosi), Tomei. A disp. Bortolameotti, Schiumarini, Frezza, Giangrande, Marchetti, Mastrosanti. All. Fattori.

GALLIPOLI: Frigerio, Mauro (46′ Elhadykatim), Foschini (81′ Portaccio), Mbidabindzy, Rosato, Gigante, Negro, Mangiarotti, Franzese, Lo Russo (57′ Martena), Iurato. A disp. Calderaro, Masciello, Benvenga, Lai, Di Fino, Bianchi. All. Massimo.

ARBITRO: Colombo di Como.

ASSISTENTI: Basile di Chieti, Micaroni di Pescara.

MARCATORI: 36′ Esposito (rig) (APR), 75′ Franzese (GAL)

AMMONITI: Roversi (APR), Crepaldi (APR), Tomei (APR), Rosato (GAL), Mangiarotti (GAL), Mbidabindzy (GAL).

ANGOLI: Aprilia 5, Gallipoli 6.

RECUPERO: 1′ pt, 4′ st.

Aprilia – Trastevere: 4-1

L’Aprilia esordisce in Coppa Italia di Serie D in modo convincente, battendo per 4-1 la formazione romana del Trastevere. Buona nel complesso la prova dei ragazzi di Fattori, capaci di sbloccare la gara nel primo quarto d’ora di gioco e di tenerla sempre in pugno, abbassando la guardia quando ormai nessuno sarebbe stato in grado di rimontare, e concedendo la rete della bandiera agli avversari; se proprio si deve trovare un neo, è questo, dall’inizio dell’anno ancora non si è riusciti a chiudere una partita senza subire reti. Ma in partite secche come questa, quando l’importante è segnarne uno più degli altri, si può essere soddisfatti e considerare la missione come compiuta, in attesa del prossimo turno.

E pensare che gli ospiti erano partiti meglio.. Per ben due volte il Trastevere avrebbe potuto colpire ma Bortolameotti si è fatto trovare pronto due volte, respingendo le conclusioni ravvicinate di Rocchi. Poi è Paruzza per i locali a cercare di impensierire gli avversari senza successo. Al 16′ arriva il vantaggio dei biancoazzurri: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la palla arriva a Sossai che scaglia un tiro potente e preciso dal limite dell’area di rigore che batte Dosmi; è 1-0. Sette minuti dopo Bosi lancia Pagliaroli con un bel filtrante, e la punta apriliana ne approfitta alla perfezione depositando in rete un bel diagonale sul palo lontano. Il resto del primo tempo è di puro controllo per le rondinelle, e la frazione si conclude sul risultato di 2-0.

La ripresa comincia con l’Aprilia che continua a fare gioco senza affanni. Al 56′ Bosi si incunea in area di rigore e tira molto forte di sinistro, battendo Dosmi per il 3-0. Al 67′ arriva anche il 4-0, con una bella punizione di Esposito sulla quale si avventa Paruzza per la finalizzazione decisiva. Quattro reti di vantaggio sono un divario importante a 20 minuti dalla fine di una partita ad eliminazione diretta, e quindi i ragazzi di Fattori tirano il fiato, smettendo di giocare con la convinzione dei primi 70 minuti. A dimostrazione di ciò, al 72′ un contropiede innescato dalla formazione ospite mette Cascio a tu per tu con Bortolameotti, che nel tentativo di uscita viene battuto per la rete del 4-1. Nei minuti finali, il portiere apriliano è costretto ad una bella parata con i pugni su punizione di Mastromattei. Le emozioni si chiudono qui, l’Aprilia vince 4-1 e passa il turno.

TABELLINO

APRILIA: Bortolameotti, Di Emma, Sossai (67′ Schiumarini), Esposito, Cioè, Maola, Crepaldi (58′ Frezza), Paruzza, Zeccolella, Bosi (72′ Pellerani), Pagliaroli. A disp. Caruso, Trincia, Giangrande, Marchetti, Pirazzi, Roversi. All. Fattori.

TRASTEVERE: Dosmi, Fagiolo (46′ Menichetti), Pelliccioni, Schiavon, Savatteri, Voltattorni (46′ Panico), Cascio, Politi, Mastromattei, Merli, Rocchi (67′ Celi). A disp. Milan, Paravati, Picchioni, Vendetti. All. Pirozzi.

ARBITRO: Feliciani di Teramo.

MARCATORI: 16′ Sossai (APR), 23′ Pagliaroli (APR), 56′ Bosi (APR), 67′ Paruzza (APR), 72′ Cascio (TRA)

AMMONITI: Sossai (APR), Pellerani (APR), Cascio (TRA), Schiavon (TRA).

ANGOLI: Aprilia 10, Trastevere 4.

RECUPERO: 0′ pt, 3′ st.