Aprilia – Gallipoli: 1-1

Deludente ed amaro pareggio per l’Aprilia di Fattori contro il fanalino di coda, il Gallipoli di Massimo. La formazione pontina butta via altri punti importanti, e ci si comincia a chiedere quando i biancoazzurri vorranno cominciare a giocare per chiudere le partite quando ne hanno l’opportunità, invece di farsi fregare da ogni avversario. Ennesima partita in cui ci si ritrova a dire che l’Aprilia cerca con insistenza e veemenza la rete decisiva, ma gioca con fretta e agitazione e gli assalti alla porta avversaria falliscono.

I primi minuti sono, come da prassi, di studio reciproco, con la formazione pugliese attenta a non concedere spazi, e a giocare di rimessa. La partita è talmente in fase di studio che nella prima mezz’ora si segnalano due conclusioni, entrambe sballate, prima per il Gallipoli al 20′ con Mbidabindzy, e poi al 25′ con Paruzza per l’Aprilia. Al 35′ la gara subisce uno strappo: Pagliaroli entra in area di rigore servito ottimamente da Cioè e viene atterrato. Per l’arbitro è rigore, e dal dischetto Esposito non fallisce, portando l’Aprilia sull’1-0 e portando il suo bottino personale a 3 reti stagionali, tutte su rigore. Il difensore è attualmente il capocannoniere dell’Aprilia in questa stagione, in attesa che qualche attaccante si decida a segnare, cosa che quest’anno sembra essere diventata impossibile per Roversi, che al 42′ sciupa l’impensabile, messo praticamente in condizione di colpire da 2 metri da Pagliaroli.

Nel secondo tempo, il Gallipoli sfiora il pareggio con un bel tiro di Negro che sibila vicino al palo della porta difesa da Caruso. Poi comincia lo “show dell’ultimo tocco mancante”: una serie infinita di occasioni a firma Bosi, Roversi, Paruzza, in cui l’Aprilia fa vedere di saper giocare a pallone, ma dimostra decisamente di non riuscire a buttarne una dentro. C’è sempre qualcosa che manca: un ultimo tocco sporco, un giocatore in ritardo di un soffio, una minisvirgolata.. insomma alla fine l’Aprilia non affonda, e il Gallipoli comincia a sognare il colpaccio, che avviene alla mezz’ora della ripresa. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la difesa pontina si addormenta clamorosamente, lasciando Franzese in condizione di approfittare dello svarione difensivo e della giornata di scarsa vena offensiva dell’Aprilia, per la rete del pareggio. A 15 minuti dalla fine siamo sull’1-1. Da questo momento fino alla fine, l’Aprilia attacca, in modo sconclusionato, con 8 effettivi su 10 (portiere escluso), ma come è avvenuto con la Turris e con l’Isola Liri, di entrare la palla non ne vuol sapere. E i tifosi fischiano e si mordono le mani. Altri due punti buttati al vento, e la classifica piange. Ride il Gallipoli che abbandona lo 0 in classifica, ed evidentemente proprio ad Aprilia lo doveva fare.

Per l’Aprilia questo è il pareggio numero 50 in gare interne in Serie D, e la rete siglata da Franzese è stata la numero 150 subita dall’Aprilia in gare di Campionato nella categoria dilettanti.

Testa alla partita di domenica, in casa del San Severo, ma da questa Aprilia tutti si attendevano di più, specialmente dopo i ritorni di Pagliaroli e Roversi. L’Aprilia della scorsa stagione era una macchina che soprattutto nella prima parte di stagione era ben oliata mentre quella di quest’anno, pur con gli stessi interpreti in campo, non è che una copia sbiadita e raffazzonata. La cura Fattori non sta dando alcun frutto quest’anno, e 4 punti in sei giornate sono una media imbarazzante. Relativamente al Gallipoli, il giudice sportivo non ha dato lo 0-3 a tavolino contro la Turris, la partita si giocherà per intero. Tuttavia, uno 0-3 a tavolino lo ha rimediato il Bisceglie, per aver schierato, nella partita contro il Taranto vinta per 2-1, il giocatore Ngom Ndiaga, che ancora non aveva scontato una squalifica della stagione precedente. Quindi il girone H della Serie D ha una nuova capolista, non più il Nardò a quota 15, ma il Taranto, con 16 punti, solo 12 in più dell’Aprilia, dopo 6 giornate, fate voi.

TABELLINO

APRILIA: Caruso, Montella, Esposito, Maola, Crepaldi, Sossai, Cioè (52′ Zeccolella), Paruzza (85′ Pirazzi), Roversi, Pagliaroli (60′ Bosi), Tomei. A disp. Bortolameotti, Schiumarini, Frezza, Giangrande, Marchetti, Mastrosanti. All. Fattori.

GALLIPOLI: Frigerio, Mauro (46′ Elhadykatim), Foschini (81′ Portaccio), Mbidabindzy, Rosato, Gigante, Negro, Mangiarotti, Franzese, Lo Russo (57′ Martena), Iurato. A disp. Calderaro, Masciello, Benvenga, Lai, Di Fino, Bianchi. All. Massimo.

ARBITRO: Colombo di Como.

ASSISTENTI: Basile di Chieti, Micaroni di Pescara.

MARCATORI: 36′ Esposito (rig) (APR), 75′ Franzese (GAL)

AMMONITI: Roversi (APR), Crepaldi (APR), Tomei (APR), Rosato (GAL), Mangiarotti (GAL), Mbidabindzy (GAL).

ANGOLI: Aprilia 5, Gallipoli 6.

RECUPERO: 1′ pt, 4′ st.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...